Parliamo di VIDEOGIOCHI con Andrea Contato

Reading Time: < 1 minute

Andrea Contato

 

Good morning Atariteca, certi personaggi, volenti o nolenti, finiscono per avere a che fare più col mito che con la realtà. Quest’uomo, lo confesso, la prima volta che lo sentii nominare mi spinse ad una riflessione interiore più legata alla matematica che ad altro. Andrea Contato. Ma Contato da chi? So che è la più banale delle idiozie che vi potessi dire ma non sono capace di mentirvi, ho però un altro dato del tutto rispettoso e fondato su di lui: quest’uomo ha utilizzata tutto il carisma e l’esperienza di cui è capace per scrivere un gran libro sui videogiochi, e pensate, è appena il primo di cinque.
Vi dirò di più, prima di questo libro ne aveva già scritto un altro intitolato «Through the Moongate. La storia di Richard Garriott, Origin Systems Inc. e Ultima». Una roba che voi umani non potete neanche immaginarvi. Un best-seller MONDIALE che in inglese ha venduto copie nell’ordine dei “mila” e adesso lo stanno traducendo anche in russo.
Ho intervistato Andrea Contato per voi, ma prima di avventurarci in ContatoLANDIA vi ricordo che potete sostenere questo podcast tramite l’apposito servizio dei caffè disponibile sul sito www.ataritecapodcast.it.
Potete lasciare commenti alle puntate e valutazioni con stelline su Apple podcast.
Potete trovare il gruppo di Atariteca su telegram e potete ascoltare uno dei podcast della Lega Dei Videogiochi cliccando sui link presenti in descrizione.
A voi l’intervista di Andrea.

andrea contato


Simone Guidi

Uomo di mare, scribacchino, padre. Arrivo su un cargo battente bandiera liberiana e mi installo nella cultura pop anni 80/90. Atariano della prima ora, tutte le notti guardo le stelle e aspetto che arrivino gli UFO.

Il Blister di Retrogaming

Categorie

Connettiti con l'autore

Support Atariteca Podcast

UNA PILLOLA A CASO

PIRATERIA ATARIANA: un podcast interessante

PIRATERIA ATARIANA: un podcast interessante

pirateria   Ascoltatori dell'Atariteca, sono giorno strani, lo so. Ma proprio perché son ...