La Storia di EPYX 1978-1993

epyx


Epyx!
Vi dico la verità: sono decorosamente preparato sui loro classici anni ’80, da Mission Impossibile a Pit Stop II fino allo splendido California Games, poi l’ho lasciata perdere. Epyx era comunque un’istituzione, c’è poco da controbattere. Erano in attività 40 anni fa, facevano sfracelli, e il loro videogioco più commerciale e di successo contiene un uomo che corre con una falcata degna di Carl Lewis. Questo nel caso foste nati negli anni ’70 e voleste avere ben chiara un’immagine nella memoria.
Insomma ataritecari, quello che sto cercando di dirvi è che per un certo, lungo periodo, Epyx è stata sinonimo di qualità. Su questo voglio che non abbiate alcuna esitazione. Già ho cercato di chiarire il punto nella puntata 51 con Massimo Belardi dedicata a Mission Impossible. E adesso voglio mettere la parola fine a qualsiasi dubbio possiate anche solo minimanete sollevare a riguardo. Per questo oggi sono qui a raccontarvi la storia di Epyx.

epyx

Benvenuti negli anni ’80, o meglio, benvenuti nel selvaggio west dei computer e del software degli anni ’80.
È un tempo di grandi sperimentazioni, crescite ultra rapide e incalcolabili violazioni del copyright.
Sega, Atari, Nintendo, Commodore, Apple e Microsoft sono tutti parte del gioco e sono solo una piccola parte degli attori sul palcoscenico.
Nel 1984 solo l’8% delle famiglie americane ha un computer in casa ma il mercato è in crescita rapidissima e come un qualsiasi altro mercato in crescita rapidissima viene assalito da tutti quelli che vogliono cavalcare l’onda, fare il pazzo cash. Una di queste compagnie in emersione si ritrova a cavalcare metaforicamente quell’onda. È una compagnia  californiana che sviluppa videogiochi, si chiama Epyx, che voi, ascoltatori anziani di questo podcast, la ricorderete meglio per una serie di videogiochi pubblicati dopo il 1983, esattamente 5 anni dopo che la compagnia aveva aperto i battenti. Già, perché nel 1984, Epyx arriva ad essere la 16esima compagnia software con più valore al mondo, tuttavia però, solo 6 anni dopo, va in bancarotta ed entro il 1993 chiude definitivamente i battenti; dopo 10 anni di videogiochi di successo saldamente in vetta alle classifiche mondiali.

Mettetevi comodi. Questa è la storia dell’ascesa e della caduta di Epyx.[…]

 

FONTE:


Simone Guidi

Uomo di mare, scribacchino, padre. Arriva su un cargo battente bandiera liberiana e si installa nel posto più vicino al distributore di merendine. Nel suo passato ci sono progetti multimediali falliti in collaborazione con Makkox, progetti multimediali falliti in collaborazione con falliti, tre libri scritti in collaborazione con sé stesso e non falliti. Atariano della prima ora, gli piace molto giocare ai videogiochi vecchi e nuovi. Tutte le notti guarda le stelle e aspetta che arrivino gli UFO.

Il Blister di Retrogaming

Categorie

Connettiti con l'autore

Sostienimi

UNA PILLOLA A CASO

Il MUSEO DEL CALCOLATORE e il tracollo di OLIVETTI con Massimo Belardi

Il MUSEO DEL CALCOLATORE e il tracollo di OLIVETTI con Massimo Belardi

Con Massimo Belardi del Museo Del Calcolatore Laura Tellini a dibattere della fulgida ascesa e d ...